Saranno 40 i partecipanti alla 29ª edizione. Dal 1990 formati oltre 1500 operatori sanitari

Inizierà mercoledì prossimo, 20 ottobre, la 29ª edizione del Corso base sulla Medicina delle Migrazioni promossa dalla Caritas di Roma. Un percorso nato nel 1990 per formare medici e operatori sanitari ai temi della tutela ed assistenza dei cittadini immigrati e che fino a oggi ha visto oltre 1500 partecipanti, provenienti da tutta l’Italia, che spesso si sono impegnati in prima persona per tutelare la salute degli stranieri.

A questa edizione, in presenza, sono circa 40 gli operatori che in 3 giorni affronteranno temi epidemiologici, relazionali, politici e normativi di base per conoscere ed operare al meglio nell’ambito della migrazione. Un’attenzione particolare sarà posta agli scenari sanitari legati al Covid con storie, esperienze, indicazioni operative e dati di un percorso spesso complicato.

Le vaccinazioni per la popolazione straniera residente in Italia, infatti, non ha seguito la stessa tempistica di quella per gli italiani. Nella programmazione delle vaccinazioni (Piano Strategico del 12 dicembre 2020 e le raccomandazioni ad interim di febbraio e marzo 2021) gli immigrati, in particolare quelli presenti nelle strutture d’accoglienza collettive, “non sono stati previsti, se non teoricamente quelli vulnerabili nella salute”.