LETTERAodp17

Natale

Natale ci porta in terre lontane. Nessun albero addobbato o slitte trainate da renne. E’ una terra vera e dura, fatta di deserti, di strade polverose, di oppressione e di fatica. E’ una terra di fughe nell’oscurità, di despoti prepotenti e violenti e di albergatori inospitali e arroganti. E’ una terra di stalle che diventano case e di mangiatoie che diventano culle. E’ una terra di notti buie e fredde abitate da pastori e povera gente aggrappati all’essenzialità ma capaci di guardare le stelle e ascoltare lontane parole di speranza.
E’ questa terra da dove arriva la Parola di Salvezza. E’ questa terra smembrata e contesa dove Dio diventa Bambino e si mette in cammino con noi. Nonostante noi.
C’è speranza.

dicembre 2017

le altre parole