Lo sfruttamento lavorativo, la discriminazione e l’emarginazione economica e sociale sono fattori che possono incidere sull’origine di comportamenti violenti.
Gli atteggiamenti aggressivi, a loro volta, determinano e condizionano gli spazi di socializzazione e le dinamiche che li caratterizzano. È inevitabile che queste problematiche contaminino la famiglia, nella quale ogni persona apprende i valori e le norme culturali che utilizzerà nelle relazioni interpersonali.
I giovani trovano allora nella “banda” uno spazio di appartenenza e protezione basato anche sull’aggressività. Salta è solo uno dei luoghi dove la precarietà delle condizioni di vita ha diffuso un sentimento di frustrazione che ha generato atteggiamenti aggressivi e violenti.
La speranza ed il desiderio di nuovi scenari, di luoghi di aggregazione e di opportunità che offrano la possibilità di incontrarsi e di crescere insieme possono essere l’inizio di un nuovo viaggio

GLI OBIETTIVI

  •  Avviare percorsi di prevenzione della violenza in famiglia e tra bande coinvolgendo soprattutto ragazze, donne e giovani attraverso l’incontro e la condivisione dei problemi del quartiere.
  • Creare una rete sociale tra i vari nodi vitali del quartiere: Centro di Salute, Cappella San Silvestre, Parrocchia Maria Medianera ed il Centro di Quartiere. Il lavorare insieme diventa metodo per promuovere condivisione e progettazione partecipata.

I DESTINATARI
Le attività interesseranno 165 persone, tra ragazze, ragazzi e donne e coinvolgeranno circa 4.000 abitanti.

STIAMO LAVORANDO INSIEME A…
I nostri partner locali a Salta sono:

  • il Centro di Salute Roberto Romero n. 47
  • la Parrocchia Maria Medianera; la Cappella San Silvestre
  • il Centro di Quartiere; il Servizio di Assistenza alla Vittima (S.A.Vic.)

LE ATTIVITA’ CHE VOGLIAMO SOSTENERE
Insieme ai nostri partner locali vogliamo lavorare per:

  • Realizzare tre Centri di Aggregazione nel quartiere, collocati nella Cappella San Silvestre, nel Centro di Quartiere e nella Parrocchia Maria Medianera.
  • Promuovere e organizzare dei Laboratori di attività manuali e di formazione: attività di arte urbana, musica, cinema, teatro ed espressività corporea, prodotti artigianali, danza, fotografia.