“Accogliere nell’arte”: i murales per Santa Giacinta

Sono iniziati nella Foresteria della Cittadella della Carità i lavori degli studenti del liceo artistico romano Via di Ripetta.

La scuola sta cambiando, si evolve verso un percorso più partecipato, che la spinge sempre di più ad uscire dalle aule per arrivare nelle piazze, nei giardini, nei luoghi pubblici, per intervenire nel dibattito sulla città, per lavorare a fianco ad altri enti e istituzioni. È l’esempio del Liceo artistico romano Via di Ripetta che, nell’ambito di un progetto di alternanza scuola-lavoro, ha coinvolto gli studenti delle classi III e IV D nella realizzazione dei murales sulle facciate esterne e interne della Foresteria della Cittadella della Carità, a Ponte Casilino, con l’obiettivo di creare un luogo in cui ospitalità e arte contemporanea possano convivere in armonia.

Murales studenti Liceo RipettaI lavori per i murales continueranno per tutto il mese di aprile. Alla base del progetto degli studenti c’è una riflessione su temi importanti, dall’attenzione e cura dei luoghi, all’accoglienza e alla promozione umana. Dopo un’esperienza diretta di servizio come volontari alla mensa per i senza dimora, gli studenti e le studentesse hanno voluto esprimere nella maniera che è loro peculiare, cioè quella del fare artistico, la comprensione profonda della “charitas” che vi abita, cioè di un’arte dell’accogliere non scontata, non giudicante, ma sfidante e coinvolgente.

Il cuore del progetto parte dall’idea di creare un ambiente confortevole per i tanti volontari che arriveranno dalle diverse città italiane per prestare servizio alla Caritas.

GUARDA LA FOTOGALLERY