Il farmacista volontario: incontro di Caritas e Ucfi

L’appuntamento è per martedì 21 febbraio. Un momento di riflessione promosso dal’Unione cattolica farmacisti italiani sul volontariato.

Martedì 21 febbraio, alle ore 20:30, nella sala riunioni dell’Area sanitaria della Caritas di Roma, in via Marsala 103 (zona Termini) si svolgerà un momento di riflessione e di confronto sul ruolo del farmacista e sulla partecipazione alle attività di volontariato solidale.

All’incontro, promosso dal’Unione cattolica farmacisti italiani (Ucfi), prenderanno parte, tra gli altri, il responsabile dell’Area sanitaria Caritas Salvatore Geraci e la direttrice sanitaria del Poliambulatorio Giulia Civitelli. Nell’occasione verrà illustrata una ricerca condotta dall’Aifa, che mette in risalto il ruolo del farmacista nel garantire un’assistenza sanitaria di qualità anche alle persone più deboli.

All’interno dell’Area sanitaria della Caritas diocesana, i farmacisti svolgono da molti anni un servizio prezioso, assicurando in particolare la puntuale ed efficace gestione del servizio di farmacia, unica possibilità per migliaia di cittadini senza mezzi né le possibilità di poter accedere a un medicinale in caso di bisogno.

Secondo le stime più recenti della Fondazione Banco Farmaceutico, una persona indigente ha a disposizione un budget per la salute pari a soli 9,9 euro al mese, contro i 66,83 euro al mese (sei volte tanto) di un non povero. Limitandosi al budget per l’acquisto di farmaci, i poveri hanno a disposizione solo 5,85 euro, mentre i non poveri 26 euro.

Non è un caso quindi che proprio dalla professione farmaceutica siano partite iniziative di solidarietà, che vantano un’ormai lunga tradizione e si traducono ogni anno in aiuti importanti per assistere le frange più bisognose e marginali della popolazione italiana.